Acquisti online

4 motivi per comprare (e 4 per non farlo) su Wish.com

wish cos'è e se è meglio amazon

Ammetto che ignoravo l’esistenza di Wish.com fino a che mio cognato non mi ha chiesto un parere al riguardo, perplesso dai prezzi costi bassi a fronte di oggetti belli e particolari.

“Se il prezzo è davvero quello, sarà roba monouso e biodegradabile, orologi inclusi” (cit.)

In realtà Wish.com sembra essersi fatto una discreta fama sin dal 2011, anno della sua fondazione, cercando di imporsi come alternativa a Amazon (come no…) e puntando forte sul settore mobile (nel senso di smartphone, non roba Ikea), con un’app dedicata e disponibile gratuitamente sia per Android che per iOS che – bug a parte – rende piacevole lo shopping. Anche solo con gli occhi.

Wish.com

Ecco dunque, come promesso…

i 4 validi motivi per acquistare da Wish.com:

  1. il database è molto vasto, in quanto Wish.com non è altro che un grande raccoglitore di articoli commercializzati da diversi venditori. In altri termini, se compri un paio di pantaloni, degli orecchini e un orologio, è molto probabile ti verranno recapitati separatamente.
  2. I prezzi sono molto bassi e anche le spese di spedizione non sono affatto male. Scopriremo più avanti perché.
  3. Prevede pagamenti veloci, incluso Paypal. Come scriverò a breve in un articolo dedicato, non credo più alla garanzia o alla protezione acquirenti così tanto pubblicizzata da Paypal, che per anni avevo in mente come modello di rettitudine, però è sempre meglio che pagare tramite Western Union, no?
  4. Vi è la possibilità di creare delle liste dei desideri (non è una novità) tematiche e/o dedicate a particolari eventi (questa si che è una novità). In altre parole, puoi creare una lista “Estate” con tutti gli articoli estivi che desideri comprare prima o poi, una “Scarpe”, una “Gadgets” e così via. Interessante il fatto che talvolta, dopo aver messo un articolo nella lista dei desideri, possa arrivarti uno sconto proprio per quell’oggetto…guarda i casi della vita! (o leggi più avanti perché questo accade)

Ma ci sono anche…

i 4 validi motivi per NON acquistare da Wish.com:


  1. il database è vasto, vero, i prezzi sono bassissimi, è vero, ma perché? Semplicemente perché la quasi totalità della merce proviene dalla Cina (hai già letto il mio articolo al riguardo “Perché si può comprare dalla Cina a prezzi così bassi? C’è qualcosa sotto“?), quindi renditi conto che il noto adagio “Hai quel che spendi“, pur non essendo sempre vero, lo è in questo caso.
  2. I prodotti al 99% ti saranno spediti dalla Cina. Ciò comporta ovviamente tempi lunghi, rischio di dogana (ma tendenzialmente sopra i 100 € dichiarati) e invii separati qualora il rivenditore non sia lo stesso per tutti gli articoli.
  3. Le misure, già grosso problema quando compri da Amazon o Ebay, in questo caso richiedono una particolare attenzione perché riferite al mercato cinese e non europeo. Ricordo ancora quando a New York chiesi una taglia L di un bellissimo maglione e la commessa, dopo avermi squadrato con aria perplessa, mi consegnò una sorta di coperta. Era la taglia L del bellissimo maglione, ma la L americana, che corrisponde alla nostra XXL! In Cina da quanto ne so funziona al contrario, dunque se vesti M, prendi una L e così via. Certo non è il massimo fare esperimenti al buio, però a volte puoi aiutarti con le misure in centimetri.
  4. Quello che viene pubblicizzato come punto di forza di questo sito di eCommerce, vale a dire la possibilità di creare le liste tematiche (numeri alla mano, le persone aggiungono quotidianamente tra i 5 e i 10 milioni di oggetti alle liste), in realtà può essere malvisto da chi non apprezza di essere controllato a fini commerciali. Mi spiego meglio: in base a un principio psicologico molto banale, gli acquirenti tendono a comprare articoli per i quali hanno già manifestato interesse (no, davvero?). Se poi casualmente ti arriva pure un buono sconto valido per 24 ore che ti sconta di altri 5€ la borsetta che avevi adocchiato, la compri o l’hai già comprata?

Commento finale: l’esperienza mi insegna che spesso hai ciò che paghi, ma va sempre considerato il valore di produzione delle cose. In altre parole:

  • se compri a 30 euro ciò che è costato al produttore 1 euro, devi renderti conto che è pur sempre un prodotto da 1 euro e non gli puoi chiedere di più.
  • se compri a 30 euro ciò che è costato al produttore 25 euro (e hai pure la spedizione gratis, come ormai faccio quando compro su Amazon al prezzo che dico io e non a quello maggiorato del 30-40% che si trova nei negozi), allora hai ben recepito i consigli di questo blog e hai tutta la mia stima ;)

Ti svelo una strategia vincente per scegliere tra Wish e Amazon

E’ chiaro che tra Amazon e Wish la qualità del servizio sia totalmente a favore del primo mentre i prezzi del secondo. Tuttavia non tutti sanno che su Amazon nel 90% dei casi vendono gli stessi venditori cinesi di Wish, ovviamente a prezzi differenti.

Quindi il mio consiglio è quello di:

  • fare una capatina su Amazon
  • controllare se c’è l’oggetto che vi interessa (molti tra le offerte sono di produzione cinese)
  • nella ricerca, non buttatevi sulla marca altrimenti è probabile non troviate nulla. I prodotti cinesi di elettronica spesso sono ribrandizzati più e più volte (vale a dire identico oggetto, nome della marca differente). Cercate per tipologia e/o caratteristiche tecniche…e poi andate per foto, è altamente probabile troverete lo stesso prodotto
  • fare una valutazione di costi e benefici: un oggetto che su Wish costa 2 euro su Amazon ne costa 6? E’ chiaro che convenga nel primo, ma…sei sicuro ti serva? E’ importante riceverlo in tempi brevi? Vuoi tenerti aperta una porta per restituirlo? Vuoi che le transazioni siano sicure? Vuoi evitare la dogana? Se la risposta è “si” ad almeno due domande prendilo su Amazon. Se la risposta è “no” a tutte le precedenti domande, prendilo su Wish :)

Importante: leggere con attenzione

A giudicare dalla mole di email che ricevo con scritto “Ho fatto l’ordine due mesi fa, ancora non mi è arrivato niente…me lo rimandate?” o “Gentile Wisch – ??? – mi chiamo Pinco Pallo e vorrei comprare da voi ma non so se mi spedire vero le cose” vorrei sottolineare che

  1. non lavoro per Wish 
  2. non posso dare assistenza al riguardo, quindi perdonatemi se non rispondo. L’unica assistenza in grado di poter dare informazioni in merito a ordini o condizioni climatiche in Cina è quella ufficiale e la trovate nella sezione contatti del sito. Il LORO sito, NON il mio ;)
  3. NON LAVORO PER WISH (repetita juvant)

wish servizio clienti

Spero che l’articolo quantomeno sia stato utile per cultura personale. Detto ciò, se vi interessa l’argomento “Comprare in Cina” (o spendere poco) nel mio blog troverete diversi articoli al riguardo.

Massimo Cappanera

Uomo. Marito. Padre. Mi occupo di comunicazione sul web e marketing per professionisti e PMI. Scrittore per passione e narratore di aneddoti per diletto. Fedele al motto "Verba volant, scripta manent, internet docet".

553 commenti

Clicca qui per commentare

Scrivi qui cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • accetto totalmente il tuo giudizio e consiglio su Wish, vorrei sapere, per favore, la procedura per la restituzione di un prodotto acquistato da loro. Grazie se vorrai consigliarmi. [email protected]

    • Mario, purtroppo non me ne occupo perché non ho rapporti di alcuna forma con Wish, né commerciale né da acquirente. Preferisco altri canali ;) Comunque in molti riescono a contattare l’assistenza e spesso per roba di poco conto non si arriva nemmeno alla restituzione. Prova anche tu :)

    • Vero, però non equivale ad usare gli stessi materiali. Prendi i Lego (che non so dove producano, però) e la versione low cost anche di marche famose (Clementoni inclusa). Mica la qualità è la stessa.

  • quanto parli a vanvere – quanto! potevi dire tutto in 6 o 7 frasi – rispiarmiando il tempo che ci hai messo a pensare formulare e scrivere il testo.. quannte parole inutile. Siamo in Italia

    • Però pensa che bello, sei arrivato fino alla fine e ti sei persino convinto a scrivermi! Forse, sotto sotto, l’articolo non era così male ;) Grazie per il tuo commento, nel bene o nel male mi fa sempre piacere :)