Truffe

Subito.it: come truffare il truffatore della Costa d’Avorio (parte 1)

Truffa della Costa D'Avorio su Subito.it

Come molti italiani, ho messo in vendita qualche oggetto su piattaforme come eBay Annunci e Subito.it. Il vantaggio è che, contrariamente a eBay classico, non si pagano commissioni, quindi è conveniente soprattutto per oggetti costosi, come scriverò in un altro post. Tuttavia è necessario prendere delle accortezze.

Un rischio parecchio diffuso al momento è quello legato alla cosiddetta truffa della Costa d’Avorio (o truffe UEMOA). Metterò due versioni:

  • quella corta, che trovate qui sotto, è la truffa di per sè;
  • quella completa, che è la trascrizioni delle mie email al truffatore in cui lo prendo in giro facendo finta di stare al gioco, facendogli perdere un sacco di tempo, illudendolo di avere tra le mani un pollo. Gli ho persino fornito documenti fatti ad hoc… ;)




Subito.it e la truffa della Costa d’Avorio (versione corta)

Vieni contattato da un personaggio che di italiano ha solo il nome nella mail che accetta qualunque tua condizione per avere l’oggetto che hai in vendita. Quale – come si vedrà – non importa. Parla solo di “merce” e l’unico modo per capire di cosa si tratti è vedere l’intestazione della email che ti arriva. Nel mio caso, è una scrivania.

Tu, tutto contento, gli dici che la merce è ancora disponibile e lui inizia la lunga, triste ma soprattutto molto realistica storia della sua vita…Abita in Costa D’Avorio (o Nigeria o paese limitrofo) e ti spedirà un bonifico in anticipo da lì, basterà fargli avere:

  • NOME E COGNOME DEL TITOLARE DEL CONTO
  • NOME ED INDIRIZZO DELLA BANCA
  • PREZZO FINALE DELLA MERCE
  • CODICE IBAN
  • CODICE SWIFT
  • NUMERO DI TELEFONO

Strano non richieda un campione del DNA e il testamento della nonna. Notare poi che chiede l’indirizzo della banca ma non quello del venditore. Un piccolo dettaglio che spiegherò a breve. Tu glieli dai e lui risponde che farà subito il bonifico e poi manderà un corriere DHL a sue spese per ritirare la merce. Dove, non si sa. Forse in banca, visto che è l’unico indirizzo che possiede.

Comunque sia, passa un giorno ed ecco il capolavoro (salta la mail per avere subito il riassunto):

Ho ricevuto le coordinate bancarie, sono stato a mia banca questa matina per effettuare il bonifico e il mio manager mi ha informato che questo tipo di operazione viene effettuato il trasferimento ad un rapido  trasferimento telegrafico

E ora la Banca di Francia per raccogliere la spesa TESORO Costa d’Avorio en pubblico per il cambio di valuta e di transito a causa della ripresa economica della crisi finanziaria.Poi il Tesoro pubblico della Costa d’Avorio ora per i trasferimenti veloci in Europa per il pagatore (me) e il destinatario (voi) per eseguire il trasferimento. La liquidazione di indennità di trasferimento pari a 170€. Così ho dovuto pagare la somma di 85 € per effettuare il bonifico e si pagherà la somma di 85 €, ma solo quando la Banca di Francia conferma che il trasferimento è stato fatto ed è in corso di validazione, girerà i certificati di deposito e lei vi spiegherà come procedere per effettuare il pagamento di 85 € e una volta che hanno la prova che hai pagato il 85 € che accrediterà il tuo conto 24 ore ensuite.Moi ho fatto un trasferimento generale non è che si perde in questa operazione quindi si riceverà un bonifico di 575 € , perché non voglio che questa possibilità di acquistare il vostro merce a me sfugge.

Se dico tutto questo perché come ti ho detto vorrei che la transazione è fatto onestamente. Sono in attesa di sentire da voi

Per il regolamento di queste spese dovrete rendersi ad un’agenzia MONEY GRAM che si trova in tutti gli uffici postali Effettuarvi la spedizione in nome del responsabile dell’UFFICIO NAZIONALE di ENTRATE del TESORO PUBBLICA della COSTA D’AVORIO all’ordine di:

Mme KANE MORI
RÉPUBLIQUE DE COTE D’IVOIRE
01 ABIDJAN  BP 468 BONOUA

Riassumiamo: la Costa d’Avorio è in fase di ripresa economica (beati loro) e per sbloccare il bonifico che ti ha fatto è necessario pagare 170 euro (grazie che il paese è in ripresa economica!). In buona fede il truffatore ti invita a fare a metà, mettendone 85 € lui e 85 € tu, così poi non solo ti arrivano i soldi ma ti rimborsa pure gli 85 € che hai pagato. Il pagamento ovviamente avviene tramite Money Gram (certo, tramite bonifico poi dovremmo pagare altri 170 €) e sul conto di tale Kane Mori, indubbiamente il responsabile dell’Ufficio Nazionale di Entrate bla bla bla e non certo un ladro. Qua le transazioni sono oneste. L’ha detto lui, quindi ci credo…!

Purtroppo non sono pochi quelli che ci cascano in buona fede, allettati da una vendita pulita pulita di 400 o 500 €, e mandano i soldi tramite Money Gram o Western Union (mai, mai, MAI utilizzarli se non per ricevere soldi…da parenti…e se vi siete persi in Congo. In qualunque altro caso, evitate). Questa truffa potrebbe avere come scenario la Costa d’Avorio come anche la celeberrima Nigeria e altri paesi limitrofi.

Nel mio caso, avrei potuto chiuderla lì, non rispondendo e lasciando cadere la cosa (strategia migliore).

Ma stimolato dall’occasione, ho dato il meglio di me stesso per dare un dispiacere al carissimo Figlio di Kane (Mori)…Puoi trovare tutto nell’articolo “Come truffare il truffatore della Costa d’Avorio – Parte 2“…ma ti prego, non mi giudicare per quello che ho fatto! :)

Attenzione alle truffe UEMOA!

Hai già vissuto un’esperienza del genere? Hai mandato i tuoi dati (nome, cognome, codice fiscale, carta d’identità etc) a qualcuno e sospetti sia una truffa? Non contattarmi per avere la certezza, difficilmente ormai rispondo. Per questo ti consiglio di leggere questo articolo scritto ad hoc: “Un truffatore ha i miei dati…e adesso che faccio?“. Troverai una risposta.



Condividi anche tu questo articolo :)

Massimo Cappanera

Uomo. Marito. Padre. Consulente web e marketing per professionisti e piccole aziende. Copywriter per passione e narratore di aneddoti per diletto. Nato senza rete, cresciuto con la rete...ma ancora di pesci nemmeno l'ombra. Forse è per questo che coltivo peperoncini.

965 commenti

Clicca qui per commentare