Come vendere eCommerce

Sette tra i più demenziali messaggi su Subito.it mai ricevuti

demenziali messaggi su subito.it

Non vendo molto su Subito.it ormai da un po’ di tempo però capita che amici e familiari mi chiedano di farlo per loro, visto che stare dietro alle inserzioni (e saperle fare bene) è la discriminante tra vendere e non farlo.

Tuttavia la statistica è che, su dieci messaggi che ricevi, solo uno porta alla vendita. Gli altri nove

  • rasentano il demenziale
  • ti fanno perdere la fiducia nell’umanità
  • ti fanno capire come la gente ormai semplicemente non legga (o non sappia leggere).

Ecco dunque una selezione di sette messaggi ricevuti di recente che meritano di essere condivisi col mondo.

1) Lo sconto benzina

Siccome vengo dal paese dovrei mettere la benzina, me lo passi a 25 euro invece di 50?

In base a questo ragionamento, ogni volta che vado da Palermo a Catania per comprare qualcosa da Ikea, pagando 40 euro di benzina, se compro solo un cuscino da 5 euro alla cassa dovrebbero essere loro a pagarmi…no?

Ah, per la cronaca gli ho chiesto quale paese fosse ma non mi ha risposto. Secondo me era il vicino di casa. Vecchia volpe…

2) Lo scambio vantaggiosissimo tra amanti del vintage

Ciao (anzi, almeno questo saluta n.d.M) scambi la macchina da cucire Singer (d’epoca e perfettamente tenuta n.d.M) con un giradischi del 1990?

Beh, vintage per vintage…Vado a vedere per scrupolo il modello del giradischi e scopro con estrema commozione che da bambino lo avevo uguale: tutto di plastica e con la puntina che costava più del giradischi, al punto da essere considerata bene di lusso e più importante della vita del gatto.

3) Quando ti credono Amazon

Sono interessata alla sdraio. Nei 10 euro è compresa la spedizione?

Posto che io sconsiglio vivamente di comprare qualcosa su Subito.it senza incontrare di persona il venditore (per vedere la merce) o l’acquirente (per capire se porterà guai o meno), se scrivo “Consegna a mano presso…” logica vuole che non sia il corriere a consegnartelo a mano ma tu a venirlo a prendere.

Detto ciò, se una sdraio (non un libro, non una penna) è venduta a 10 euro e la spedizione come minimo tra peso e dimensioni sarà di 15 euro, quante possibilità ci sono che sia compresa? Le risposte nei commenti, grazie. La soluzione verrà pubblicata la prossima settimana.

4) Volere (non sempre) è potere

Collezione di libri di cucina messa a 20 euro.  Mi scrive un tizio che non mi ispirava affatto perché chiedeva la spedizione in contrassegno (mai mai mai, a parte che costa tot euro in più i tempi di riaccredito a volte sono biblici) senza nemmeno volere informazioni o chiedermi il costo. Declino l’offerta rispondendo educatamente, anche perché c’era altra gente interessata.

Mi riscrive.

Non ti ho detto che sono interessato?

Non gli rispondo, tempo perso. Mi riscrive.

Ma l’hai venduta?

Non gli rispondo di nuovo. Mi riscrive.

Ma se l’hai venduta perché non la togli?

Non gli rispondo ma per la cronaca per i tre giorni successivi ha continuato a domandarsi perché non la togliessi con lo stesso ardore di uno mollato dalla ex che, per sfregio, continua a ricevere da lei foto in completini sexy.

5) Effetto biblioteca

Ciao, posso vedere se il libro mi piace ed eventualmente te lo compro?

Come no. A patto però che per tutto il tempo del “test” io possa vivere a casa tua, in un angolo, per osservarti tipo SOS Tata. Non gliel’ho detto, ahimé. Ma solo perché temevo accettasse.

6) Italiano tutto pizza e mandolino

Un grande classico. Ricordo ancora le risate della giornalista di Millionaire che mi intervistò per un articolo sugli acquisti online quando mi sentì dire che

puoi riconoscere un italiano interessato ad un oggetto che hai in vendita perché ti chiede lo sconto.

Eppure ero serissimo. Quasi puoi distinguere un truffatore da uno davvero interessato perché (fino ad ora, non vorrei dare idee) solo il secondo ti chiede lo sconto. Inarrivabile in tal senso la storia ormai trita e ritrita del televisore con tubo catodico messo a 5 euro per evitare di buttare e inquinare a favore di chi volesse trarne pezzi di ricambio, col genio che mi scrisse

Me lo vendi a tre euro?

Tuttavia è degna di menzione la storia della vecchia bici messa qualche mese fa a 20 euro. Mi scrive tale Matilde:

Me la dai a 15 euro?

Nemmeno le rispondo. Ho ancora una dignità e volevo 20 euro per essa (la bici, non la dignità). A quel punto, scocciato, alzo il prezzo della bici, portandola a 25 euro. Mi riscrive Matilde, vero mito:

Me la dai a 20 euro?

Di coccio proprio. Però, certo Matilde, ora è tutta tua.

6 bis) Il benefattore

E’ una specie di corollario sulla tipologia Matilde, anche se portato ai massimi livelli. Per fare un favore a un parente metto in vendita una cucina nuova e appena montata in una casa che, per l’improvviso trasferimento del proprietario, non sarebbe più stata abitata. Prezzo: 1000 euro, dopo che era stata pagata 2000 euro. Mi scrive il genio della situazione:

Ciao, se decidi di disfartene, la prendo a 100 euro.

Certo. Te la smonto pure e te la lascio davanti casa se vuoi, ma le istruzioni per montarla non te le do. E ti metto pure qualche pezzo di un’altra cucina che non c’entra nulla, giusto per farti impazzire nel tentativo di capire dove debbano essere montati.

7) L’ufficio informazioni

Fu sempre per la sdraio precedentemente citata, protagonista tale Giorgio:

Scusa, non sono interessato alla tua sdraio ma ho visto questa su Amazon, puoi dirmi se è come la tua?

Grazie al cielo Subito.it elimina in automatico i link (non a caso i truffatori chiedono di essere contattati al loro indirizzo privato, scrivendolo con gli spazi per evitare la censura, tipo [email protected] gmail .com), così ho avuto la scusa per non rispondere.

La domanda mi ha comunque ricordato la storiella di quello che entra nel negozio di lingerie e chiede alla procace commessa di spogliarsi per capire se il reggiseno che vuole comprare starebbe bene alla fidanzata, dato che hanno lo stesso fisico.

Finale: dimmi che non ti sei riconosciuto in nessuno dei suddetti!

…ma non tanto per brutte figure mie, quanto perché ora probabilmente capisci perché non riesci a comprare nulla su Subito.it e te la prendi con chi vende ;)

Per conoscere altri motivi papabili, leggi l’articolo “Perché il venditore su Subito.it non mi risponde?“.

Massimo Cappanera

Uomo. Marito. Padre. Mi occupo di comunicazione sul web e marketing per professionisti e piccole aziende. Copywriter per passione e narratore di aneddoti per diletto. Fedele al motto “Verba volant, scripta manent, internet docet”.

5 commenti

Clicca qui per commentare

  • MAMMA MIIIAAA!!! ahauhauhauhauhaa CE LE HO TUTTE E DI PIUUU’!!!
    Se posso, mi propongo per collaborare nel copywriting X-DDD ahahahah :-)

    — Gente che sta in provincia, ma a dire il vero VICINO A 10 MIN DI AUTO (o anche 20 per me è NULLA)
    Loro: “Lo voglio, E’ MIO!!! … Devo arrivare lì? AH, MA SEI LONTANO, CHE PECCATO”……..
    (siete odiosi, fraccomodi, rompip…. ed egoisti! a dir poco.)

    –cavi, vendo a 1 euro.
    “ci vediamo in via Rossi?”
    Alias, dall’altro lato della città… mi costerebbe il triplo… se mi paga lui, ci vado, eh!
    “quando passi di qui fammi sapere”
    Come no! subbbbbito! (non .it), aspetta e spera!

    –non parliamo, poi, di quelli che mandano il messaggio, ma non conoscono l’esistenza della mail: vogliono fare tutto solo via whatsapp! E se non ce l’hai…beh…sei tagliato fuori!
    SCHIAVI ASSOLUTI!!!!!!!!

    — Gli fai il famoso sconto (oltre il 90%) ma poi quando ti presenti di persona, ovviamente, vogliono un altro sconto….. DOPO CHE LI HAI RAGGIUNTI QUASI SOTTO CASA (come pretendono spesso… vabbè, mi trovavo a passare… ma che miseria! Gente che guadagna, eh! io no! e glielo dico pure! Miserabili. )

    –pochi gg fa: richiesta di orologio (lo misi originariamente a 18, ora sceso a 13, per togliere qualcosa)… Lo vuole a 10, ok, facciamola finita.
    Lui: viene dalla provincia. “ci vediamo alla stazione?”
    io: “ok, tale giorno?”
    lui: “si, va bene, sicuro!”
    Poi non potè più. Propongo un’altra giornata, ma nulla.
    Io: “Scusa, ma una spedizione???”, al limite, anche una Posta1 viene pochissimo (per una cifra simile, secondo me si può anche tentare: per es. a me sicuramente arrivano. Conviene!).
    Lui: ha avuto frodi passate, e non si fida di nessuno.
    Io gli spiego come stanno le cose, invio foto in ogni fase, ma poi, dico… MAI SENTITO PARLARE DI PAYPAL CON PROTEZIONE ACQUISTI?!
    No, eh?!
    Voi dimenticate spesso che l’ITAGLIA è il terzo mondo, di i(g)nioranti informatici!
    Lui: ” no, ma io SONO INTERESSATO! Però ora acquisto solo di persona. Prima o poi LO PRENDO!”
    Ah, beh, allora! Aspetta e spera, anche qui!!!
    Quanti perditempo inutili! -_-

    –caso di un’amica: mise in vendita (ahimè, malauguratamente. Che coraggio!) alcuni slip firmati di cui le fecero omaggio, per errato acquisto. Foto dell’articolo semplice, firmati e cartellinati, roba “pulita e chiara”, insomma…
    Ebbe una tale quantità di mail di malati sessuali, di tutti i sessi possibili,… uh! Neanche i più grandi portali di incontri messi insieme avrebbero potuto far tanto!
    Mò dico io: invece di avere le “cose facili”, di cercare online femmine allupate già pronte e svestite a puntino, invece di andare in giro laddove si trovano bocconcini anche gratis… Vi mettete ad importunare COMPRAVENDITE chiedendo foto dell’articolo indossato?!
    Ma perchè, non avete mai visto una femmina ignuda?! E non avete modo di cercare, molto più velocemente, su qualche portale?!
    Oh, ma che miseria!
    Ma che risate…. io già so, al posto della mia amica, che avrei risposto a tali energumeni…!!! tante belle cose, da morire! :D Ma purtroppo qui non posso dire :-D
    Per fortuna, lei riuciìi a venderli, dopo tempo e tante segnalazioni, ad una ragazza ;-)

    — LA PIù GRANDIOSA DI TUTTE, altro che 5 euro con sconto!
    Bermuda, buona manifattura, ma SVENDO a 2 euro per fare posto con urgenza.
    Mi arriva la fatidica mail (non di costa d’avorio, purtroppo! sarebbe stato più gratificante!) con scritto:
    “IL PREZZO E’ TRATTABILE?”

    ………………………………………. NO COMMENT ………………………………………….

    X-DDDDDDDDD

    PS: che maz…. che hai avuto con Matilde!!! ahuahuhauhauhauha
    Anche quelli del supporto di Paypal sanno che è bene alzare il prezzo, per poi raggiungere quello desiderato X-D

    PPS: va specificato ai cari utenti, che il tanto amato CONTRASSEGNO non è sinonimo di garanzia :-) perchè il pacco NON SI PUO’ APRIRE se non si paga!
    Poi non lamentatevi che vi “hanno fatto il pacco”!!!!
    :-)

  • PPPS:
    Sta girando un certo “cosinedeliziose”… un perditempo MAI VISTO… sarà anziano, poveretto, la vasculopatia è terribile… ti tiene a parlare un mese e più, spesso ti chiede le stesse cose, e ripete le stesse frasi….
    Ti dice che vuole molte tue cose, ma compra tutto a solo 1 euro perchè le rivende, e si vanta del fatto che venda da moltissimi anni (beato lui, almeno mangia!)
    Vuole le foto, gliele mandi, ma non vanno bene: le devi INDOSSARE TUTTE (anche gli oggetti… ehm… !), altrimenti non valuta assolutamente niente.
    E debbono essere tuoi personali! Altrimenti si rifiuta si parlare con te!
    ……..poi però vuole tutto a stock tipo a 0.25/0.20cent al pezzo… e per giunta, quando deve rivendere, FA VEDERE AGLI ALTRI LE FOTO TUE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    (per fortuna l’esperienza di riconoscere “cose strane” ce l’ho… grazie al Cielo…. ! )
    E però, alla fine, se non avete tantissimi pezzi, non compra, altrimenti le spese di sped.gli vengono troppo e non recupera (eh si, poveretto… non ha la pensione…)
    MI RACCOMANDO A TUTTI, GRANDE ATTENZIONE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    NON INVIATE MAI FOTO PERSONALI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!