Truffe Tutorial

Come truffare un truffatore: guida passo dopo passo

come truffare un truffatore cover
Fonte: www.rd.com

Ho deciso di scrivere questa guida perché in molti nei commenti mi hanno chiesto consiglio su come fare a truffare un truffatore.

Non hai idea di cosa stia parlando? Eppure da qualche anno a questa parte le storie epiche narrate su truffatori truffati sono state molte, da quella celeberrima dei truffatori della Costa d’Avorio a quella della truffa della badante negli USA (alla quale La7 ha dedicato dei servizi con delle mie interviste…ognuno ha le sue perversioni) passando per i prestiti su Facebook, le truffe sentimentali, la truffa alla nigeriana del Reverendo… e chi più ne ha più ne metta. Insomma, gliene ho fatto perdere di tempo, in una sorta di perversione che tuttavia ha assunto nel tempo connotati umanitari. Si, d’accordo, lo faccio per accumulare karma positivo che possa fronteggiare le macumbe che mi arrivano da altre parti del mondo.

Lo scopo di questo articolo è insegnare anche a te come fare a truffare un truffatore. Ciò per un motivo molto semplice.

Sono stati migliaia i commenti di altrettanti visitatori, grazie ai quali il database di truffatori, nelle loro centinaia di pseudonimi, si è allargato. Tanta gente si è salvata ma tanta gente ancora cade nella trappola. La domanda è sempre la stessa:

Cosa si può fare contro i truffatori?

  1. Parlarne, parlarne, parlarne!
    Se ne parli (amici, parenti…), salvi persone dall’incubo che stai vivendo o da quello che hai evitato. A te non costa nulla, ma farai del bene.
  2. Se italiani, denunciali
    La speranza è che tu non sia da solo e che la macchina della giustizia si muova viste le molteplici segnalazioni. Allo stato attuale è la strada più tortuosa ma assolutamente migliore per cercare di recuperare i soldi.

E se sono stranieri? Truffa i truffatori :)

(ossia fagli perdere tempo e soldi)

Purtroppo se si tratta di stranieri troverai solo muri e la classica frase proclamata dalle Autorità, secondo le quali

…tecnicamente non si sa se si tratta di una truffa o se ne verrà fatta qualcuna con i suoi dati, quindi una denuncia preventiva è impossibile.

Certo, come no.

A questo punto, o si fa finta di nulla, con loro che incassano migliaia di euro al giorno alla faccia tua, oppure li prendi in giro e gli fai perdere tempo. Sembra strano, lo so, ma credo sia un’ottima strategia perché confonde, snerva, sfianca, rende meno appetibile un business che, allo stato attuale, equivale a rubare caramelle ai bambini.

Inceppare una macchina apparentemente perfetta allo stato attuale è l’unico modo per tamponare il problema

 Come truffare un truffatore: guida passo dopo passo

  1. Crea un nuovo indirizzo email (o usane uno vecchio e morente)
    Visto che i truffatori creano un mucchio di caselle nuove su Gmail (non a caso la mitica Loredana Paterlini ha indirizzi come loredana.paterlini01, loredana.paterlini55 e via dicendo…) perché non fare altrettanto? E’ un sistema semplice e veloce (pure troppo), quindi in meno di un minuto si ha una casella da utilizzare per far perdere tempo ai truffatori. Il motivo è legato a evitare noie che solitamente nemmeno ci sono, nemmeno a livello di spam, ma chi può dirlo? Si evita così di usare pure il proprio vero nome…ma pure in quel caso nemmeno se ne accorgono. Puoi  cambiare casella a ogni messaggio e non ci faranno nemmeno caso.
  2. Dagli corda
    L’obiettivo è quello di apparire indifeso e ingenuo. Tranquillo, non ci vuole molto, in pratica basta rispondere al loro messaggio-esca, possibilmente dall’indirizzo email del punto precedente. Ma se hai già risposto dal tuo personale, poco male, cambialo e nemmeno ci faranno caso.  Se poi aggiungi un po’ di entusiasmo e di emozione, è fatta.
  3. Divertiti alla grande
    Dai sfogo alla fantasia, io ti butto lì qualche idea

    • puoi dargli corda fino a che non ti chiede i soldi e poi dire di aver fatto il pagamento richiesto…dirglielo di nuovo quando ti dirà che non lo trova…dirglielo di nuovo quando quello diventerà paonazzo perché continua a non trovarlo…giurare e spergiurare di averlo fatto…poi…”Pps, avevi detto Western Union! Io avevo capito Money Gram! Aspetta…” e continuare così
    • puoi rigirargli la frittata. Ti dice che il sindaco del califfato del Sud Africa è morto lasciandoti otto milioni di dollari? Digli che lo conoscevi davvero e inventati una storia strappalacrime alla fine della quale gli dici che non puoi accettare l’offerta. Lui proverà a convincerti del contrario e da lì in poi puoi dirgli quello che ti pare :)
    • proponigli tu un affare. Mi ha fatto molto ridere un tizio americano che, di fronte a un’offerta di prestito tra privati a tasso ultra agevolato (ovviamente truffaldini, i soldi non si vedono manco per sbaglio), è partito in contropiede dicendo che lui faceva lo stesso e aveva un mucchio di soldi da sfruttare in questo business, proponendo al truffatore di entrare nel giro. Quello ovviamente ha accettato ma il tizio, come atto di buonafede, ha chiesto al truffatore un versamento su Paypal, che poi ha rigirato ad Amnesty International.
    • alterna email sensate a messaggi completamente fuori dal mondo.
    • fai in modo che ogni messaggio contraddica il precedente :)
    • rispondigli così: &&£$&%£$ &%$&$%, é°ççé$£ £$%&” %%$%$”%$” ! etc etc. Se poi sei proprio cattivo, riproduci i messaggi precedenti sostituendo le parole con simboli a caso
    • inventati drammi della tua vita, chiedendogli conforto (di varia natura)
    • fai finta di essere pure tu un truffatore. Prendi un nome a caso tra i mille stranieri citati nei commenti di uno dei miei articoli, tanto si conoscono di fama. Chiedigli di scambiare trucchi del mestiere e poi proponigli un affare.

E se ti telefona?

Se prima di mangiare la foglia hai dato al truffatore i tuoi dati (leggi il mio articolo in merito per sapere cosa rischi) incluso il numero di telefono, è possibile che ti chiami. A quel punto o lo metti in blacklist o il divertimento raddoppia: puoi scegliere se rispondere e tenere il telefono vicino al WC mentre tiri l’acqua, al parlare in dialetto a fare finta di essere Marlon Brando ne “Il padrino”. Ma se gli fai una pernacchia o una risata in faccia, è il non plus ultra. Beh, dopo lo sciacquone, è ovvio.

Come vedi, puoi dare libero sfogo alla fantasia, queste sono giusto le prime cose che mi sono venute in mente. Anche se, prima o poi, dovrai affrontare la richiesta delle richieste.

“Ahò, ma il versamento su Western Union/Money Gram l’hai fatto?”

Certo che si, anche se preferiresti una martellata sul mignolino del piede piuttosto che mandargli soldi, altrimenti quello si stufa. Ovviamente non gli hai mandato, né mandi né manderai altro che…

  1. la fotocopia di un modulo compilato con i dati che ti ha scritto e con dati tuoi inventati…ma, che distratto, hai fatto troppo zoom e non si vede il codice della transazione, ossia quello che interessa loro…
  2. se non vuoi sbatterti troppo, puoi usare un’immagine come questa…che puoi ben capire come indisponga giusto poco poco… :) Oh, se non la visualizza bene è colpa sua, non tua ;)

come truffare un truffatore

 

Morale della favola

Prendere in giro un truffatore non è tempo perso. Anzi, è una grande azione sociale. Non sottovalutarla, anzi, prendila come un piacevole passatempo e, quando sei lì in ballo, pensa alle migliaia di persone che in questi stessi giorni conversano con lui e da lui sono abbindolate. Ogni secondo perso ad essere preso in giro, sono soldi in meno che gli arrivano e vite di persone oneste (chiamale ingenue, chiamale come vuoi, ma almeno sono oneste) che non vengono umiliate. Ne vale la pena, che ne dici?

Massimo Cappanera

Uomo. Marito. Padre. Consulente web e marketing per professionisti e piccole aziende. Copywriter per passione e narratore di aneddoti per diletto. Nato senza rete, cresciuto con la rete...ma ancora di pesci nemmeno l'ombra. Forse è per questo che coltivo peperoncini.

8 commenti

Clicca qui per commentare

  • Fatto ed è divertente, all’ennesimo militare americano, che proponendosi come potenziale futuro marito voleva i soldi in west Africa, gli ho risposto che sono una “Sakawa* Woman” e che gli avevo fatto un “juju*” che lo avrebbe fatto morire entro pochi giorni. Secondo me se l’è fatta sotto, infatti mi ha chiesto l’Iban per mandarmi soldi e non morire!

    * In west Africa i truffatori si definiscono Sakawa boy e fanno dei riti propiziatori al fine di riuscire a truffare di più, ma in prima persona credono a questi riti (tipo le fatture o jettature napoletane per intenderci) che nel dialetto ghanese si chiamano juju!

      • Altra idea che ci è venuta, scoprendo che negli ultimi giorni i “nostri amici” hanno una fretta incredibile a uscire dai social volendo mail o numeri di telefono, Avendo collezionato un po’ di loro indirizzi di posta elettronica e numeri di telefono è sufficiente dare ai truffatori anglofoni il numero di un truffatore francofono e viceversa, così si messaggiano e si telefonano tra loro. Peccato non poter leggere queste chat o sentire queste telefonate credo che sarebbe spassoso.

        Segnalo inoltre che negli ultimi giorni non vogliono pagamenti con wu ma chiedono di comprare al supermercato delle IThunes gif card e di dargli il codice, Pare che con queste oltre a poter comprare beni o servizi apple possono vendere le schede stesse e monetizzarne il valore senza lasciare ovviamente traccia del beneficiario.

    • Beh, si fa per karma positivo…e, no, non è solo un rischio, nella misura in cui la gente continua a caderci…Quindi tanto vale fare informazione e sperare che la voce di diffonda, magari anche grazie a articoli dissacranti ;)

Nuovi articoli via email

Vuoi ricevere via e-mail le notifiche di nuovi articoli? Per me è un onore, grazie! Potrai annullare l'iscrizione quando vuoi.

Unisciti a 617 altri iscritti