eCommerce

Ecco i metodi più sicuri per pagare su internet

come pagare su internet

Dopo averti descritto dove sia meglio comprare su internet, immagino tu sia andato a fare un po’ di shopping. Al momento dell’acquisto, però, hai scoperto che i soldi non si possono infilare da nessuna parte nel PC e che il lettore di schede SD non è abilitato a ricevere monete. Ecco il senso di questo nuovo articolo :)

Come si paga su internet
Fonte: http://accessanimalhospitals.com

Come si paga su Internet?

Posto che i pagamenti sono nel 99% anticipati (un discorso che sembra opinabile se si ragiona nell’ottica di comprare a scatola chiusa, ma ricordo sempre che chi spedisce – se onesto – non sa se chi lo riceverà lo sia altrettanto) esistono diversi modi per pagare su internet. Ecco i principali:

Come si paga su internetBonifico bancario

Diffuso soprattutto entro i confini nazionali, ha il vantaggio di essere tracciabile. Una volta fatto il pagamento, passano 2-3 giorni prima dell’accredito e, spesso, della spedizione. Per altri servizi, invece, basta inviare il codice CRO ottenuto all’atto del bonifico per sbloccarli prima, previo controllo.

Come si paga: vengono fornite le coordinate a cui pagare (codice IBAN) e beneficiario. Non serve altro, anche se a volte per completezza vengono forniti altri dati come l’ubicazione della banca di riferimento etc. Tuttavia dentro l’IBAN c’è già tutto :)

Costo: zero, sia in emissione che in ricezione. Ma non selezionate mai l’opzione bonifico urgente, costerà 5 euro a chi lo riceverà!

Tempi: allunga di 2-3 giorni la ricezione della merce nella maggior parte dei casi, visto che si aspetta l’accredito prima dell’invio. Alcune società chiedono in modo molto professionale il codice CRO (l’identificativo del bonifico emesso, dato dalla banca all’atto della conferma dell’invio) così da verificarlo e velocizzare la spedizione, che avverrà dunque prima del reale accredito dei soldi sul proprio conto. Non pensate però di fare i furbetti revocando il bonifico, è inutile ;)

Sicurezza: buona, essendo tracciabile. Poi purtroppo ci sono modi per truffare anche così.
[divider]

come si paga su internetCarta di credito

I pagamenti con carta di credito avvengono online inserendo le sedici cifre frontali, una data di scadenza e un codice di controllo di tre cifre stampato nella parte posteriore della carta in altrettanti campi di un modulo, aggiungendo il nome del possessore. Il tutto avviene in un ambiente protetto e criptato (se si tratta di quello reale e non una pagina falsa creata ad hoc, vedi sotto), così da evitare che vengano intercettati.

Il sistema controlla la correttezza dei dati e, se veritieri, autorizza la transazione. Negozi come Amazon ad esempio chiedono di memorizzare i dati della carta per evitare di doverli ogni volta digitare. Farlo è un sistema comodo e relativamente sicuro, ma visto che la prudenza non è mai troppa è sempre meglio preparare un piano B, come scriverò tra poco.

Costo: zero

Tempi: immediati

Sicurezza: in teoria buona (ci sono almeno tre meccanismi di controllo che, se ignori, non autorizzano la transazione), nella realtà i truffatori hanno fatto festa per molto tempo grazie alle clonazioni (leggi il mio articolo “Carta di credito clonata: come evitare la truffa”). In altri termini, bastava intercettare i tre dati suddetti e si potevano fare pagamenti di migliaia di euro a scapito del reale possessore.

Attenzione, questo vale anche nella vita “offline”. Anzi, persino peggio. I pagamenti con carta di credito su internet infatti vengono scalati subito, mentre quelli nei negozi fisici aspettano il 15 del mese successivo. Ciò significa che nel primo caso è facile accorgersene, mentre nel secondo c’è il rischio di avere il massimale svuotato dopo settimane dal danno, complicando non poco le indagini per capire chi sia stato.

Altro rischio è quello di credere di pagare dal sito della banca che autorizzerà la transazione, quando in realtà è un ambiente che sembra in tutto e per tutto quello ufficiale dell’istituto di credito, delle Poste Italiane e via dicendo, ma che in realtà è la casa del truffatore. Dunque in quel caso il modulo per il pagamento non farà altro che trasmettere i dati alla casella email del malandrino. Uno dei casi tipici è quello delle email fraudolente, come scritto nell’articolo “Email di phishing: ti prego, non fare la figura del tonno“. Come evitarlo?

  1. controlla sempre che al momento del pagamento ci sia una connessione protetta. Farlo è semplicissimo: basta guardare nella barra degli indirizzi se all’inizio c’è la scritta https://. La s dopo il classico http sta per “secure” e indica che il sito utilizza protocolli di sicurezza.
  2. la possibilità di finire in un sito civetta che somigli a quello reale è davvero un caso raro se, per esempio, è il sito di Mediaworld, di Aruba o di una grande catena a farti passare da quello di Banca Sella per fare il pagamento. Significherebbe aver hackerato il loro sistema…e loro non possono permetterselo. Diverso il caso in cui ricevi una mail mirata a farti venire il panico perché ti stanno chiudendo il conto, le Poste ti hanno bloccato la carta e via dicendo. Quello è phishing, ossia truffa. Se prima non ti ho convinto a leggere l’articolo “Email di phishing: ti prego, non fare la figura del tonno” credo che ora sia arrivato il momento di farlo ;)

 [divider]come si paga su internet

Carta prepagata

(Postepay, Superflash, Lottomaticard, Paypal…ce ne sono un sacco)

Detta anche “carta di debito”, è come una carta di credito in quanto a dati necessari per il pagamento ma non si collega al conto (tranne la Next di Intesa Sanpaolo), quindi in caso di clonazione si rischia di perdere solo il contenuto attuale. Si parla solitamente di pochi euro, visto che la si ricarica all’occorrenza.

Questo è un indubbio vantaggio, che però vede nell’altro lato della medaglia i costi per la ricarica. Se per esempio devi pagare un oggetto 50 euro e ne mettri altrettanti nella carta (andando alle Poste per la Postepay, tramite online banking per altre etc), ti verrà a costare 51 euro. A questo punto, se si paga spesso, converrebbe mettere ad esempio 300 euro, con la commissione che diventerebbe irrisoria a confronto di tale cifra. Peccato che questo invalidi il senso della prepagata e del rischio di perdere pochi soldi in caso le cose vadano a scatafascio ;)

Tempi, costi e sicurezza sono identici a quelli della carta di credito tradizionale. Grazie al cielo esiste il servizio che sto per spiegare e che ne annulla i rischi…

N.B qui cito anche la carta prepagata Paypal che NON equivale a Paypal in quanto servizio. Può essere collegato ad esso, ma sono due cose distinte come vedremo a breve.
[divider]

come si paga su internetCarta di credito VIRTUALE

Il sistema che rende sicuro l’uso di una carta di credito/debito (standard o preparata) negli acquisti online. E’ semplicissimo e ne ho parlato abbondamente in questo articolo che ti consiglio: “Carta di Credito Virtuale: cos’è e come si usa
[divider]

come si paga su internet paypalPaypal

Sistema di pagamento di proprietà di eBay (per adesso, ma sembra sia imminente la rottura), parte dal presupposto che scrivere i dati della tua carta di credito su 10 siti diversi aumenta di 10 volte la possibilità che uno sia truffaldino. Così loro ti propongono un patto: “tu dai quei dati a noi e, per pagare, basta che ti connetti al nostro sito se il negozio te lo consente“.

Fanno dunque da intermediari, facendo si che risulti soltanto il tuo indirizzo email al venditore, onesto o truffaldino che sia.

Paypal offre anche la possibilità di ricevere soldi, basta che chi li versa conosca l’indirizzo email connesso a Paypal di chi riceve. Dulcis in fundo, offre un programma di garanzia da possibili frodi, soprattutto se avvenute all’interno di eBay.

Bello, vero? Sicuro, no? Ma non è tutto rose e fiori.

I soldi che ricevi finiscono direttamente nel tuo conto Paypal (una sorta di banca virtuale), anche se superati i 100 euro puoi versarli sul tuo conto corrente bancario senza commissioni. Quando fai un pagamento Paypal utilizza prima gli eventuali soldi che hai sul conto virtuale, per poi attingere alla carta di credito/debito ad esso collegato qualora non bastassero. E’ anche possibile fare un bonifico al proprio conto virtuale su Paypal, così da rimpinguarlo, continuando ad usare quel saldo e non quello della carta associata.

Costo: zero se invii denaro…ma chi lo riceve paga una percentuale (più qualche centesimo di costo fisso) della cifra accreditata. Dunque capita sempre più spesso che, all’atto del pagamento, il negozio online avvisi l’acquirente che oltre al prezzo da pagare ci sia un piccolo extra. Per la serie “Vuoi usare paypal? Allora contribuisci alle spese”.

Tempi: immediati. Una volta ricevuti i soldi si riceve una mail di avviso, che vale come ricevuta.

Sicurezza: alta, è uno dei sistemi più sicuri al momento disponibili. Saltasse quello, salterebbe eBay e un bel po’ di altre realtà online.

Due note importanti:

  1. Come detto, Paypal servizio è diverso da Paypal carta prepagata. Possono essere collegati vicendevolmente (all’atto del pagamento il sistema vede se nel conto Paypal vi sono abbastanza soldi, altrimenti finiti quelli attinge alla carta) ma uno può benissimo avere una carta Paypal e usarla senza avere la necessità di aprire anche un conto (sebbene faranno di tutto per fartelo fare).
  2. La “Protezione Acquirente” tanto pubblicizzata su eBay mi ha sempre deluso. Come ogni buona assicurazione che si rispetti, si cerca il pelo nell’uovo pur di non pagare. Una volta un corriere (pagato con Paypal) truffò centinaia di persone non ritirando/consegnando i pacchi e loro mi risposero “Eh, ma i servizi mica li rimborsiamo…”

[divider]

come pagare su internetWester Union, MoneyGram etc

Come buttare soldi dalla finestra. Mi limito a questo. Per carità, società serissime, il problema è CHI usa i loro servizi. Se qualcuno che non sia un tuo parente all’estero con il quale hai appena parlato al telefono (e sottolineo parente, visto che c’era una truffa pure per sedicenti vostri amici che avevano perso tutto in vacanza e dovevano tornare a casa) ti chiede uno di questi sistemi per il pagamento online, toglici mano. Al 99% è una truffa. Leggi le centinaia di commenti nella saga di “Come truffare il truffatore della Costa d’Avorio” ;)
[divider]

come si paga su internet bitcoin

Bitcoin

Una moneta virtuale del web. Se non hai idea di cosa sia, dai un’occhiata alla Wikipedia. Se sai cos’è, non potrei scriverti nulla di nuovo ;) Tuttavia in Italia si usa pochissimo e solo in certi contesti, alcuni dei quali molto aumm aumm (capisciammè e leggi l’articolo “Cos’è il Deep Web (e perché NON dovresti andarci)“per saperne di più)

Detto ciò, veniamo alla parte più pratica.

[divider]

Quando pagare (relativamente) tranquilli e quando evitare a tutti i costi di farlo?

Bonifico bancario

Se devi inviare pagamenti con bonifico bancario: relativamente sicuro in quanto tracciabile. Relativamente perché ormai molte carte prepagate hanno un IBAN associato, quindi sembrano in tutto e per tutto un conto bancario e uno paga pensando finiscano in un conto che la polizia può andare a controllare in caso di truffa.

Se devi ricevere pagamenti con bonifico bancario: sistema sicuro, essendo solo in entrata. Basta dare il proprio nome, cognome e IBAN.
[divider]

Carta di credito

Se devi inviare pagamenti con carta di credito: basta farne una virtuale (meglio ancora se usa e getta, leggi “Carta di Credito Virtuale: cos’è e come si usa”) e stare attenti al protocollo https:// nella barra degli indirizzi.

Se devi ricevere pagamenti con carta di credito: puoi sfruttare l’IBAN associato (stampato sulla carta) ma francamente mi è capitato molto di rado. E’ più frequente mi stornino lì dei soldi per il reso di un articolo. Anche perché per maggiore sicurezza è sempre bene che la carta sia solo per i soldi in uscita.
[divider]

Paypal

Se devi inviare pagamenti con Paypal: comodo perché privo di costi (se non c’è quella rivalsa citata prima) e abbastanza sicuro perché hai la conferma dell’invio, potendo farla rivalere agli occhi di eBay & co. In teoria puoi anche chiedere la revoca del pagamento e ricevere i soldi indietro, ma solo se il destinatario nel frattempo non si è svuotato il conto… Per quanto riguarda il servizio di protezione degli acquisti, ahimè si inventano spesso qualunque scusa per non far avvalere l’assicurazione…Una volta ho pagato via Paypal per spedire un pacco, il corriere non è mai passato, ho chiesto i soldi indietro e mi hanno risposto che con i servizi l’assicurazione non vale. Ah, beh…

Se devi ricevere pagamenti con Paypal: sicuro è sicuro, peccato ti costi una piccola percentuale.
[divider]

Ricarica di una Postepay

Se devi inviare pagamenti con ricarica Postepay: NON LO FARE. E’ tutto ciò che devi sapere. Potrei dirti pure che equivale a lasciare i soldi sotto un vaso, su indicazione del venditore, ma preferisco lasciarti col dubbio. Zero sicurezze, zero possibilità di recupero.

Se devi ricevere pagamenti tramite la ricarica della tua postepay: o sei un truffatore oppure sei rimasto a dieci anni fa.
[divider]

Wester Union, MoneyGram & co

Se devi inviare pagamenti tramite Wester Union, MoneyGram & co: hai presente la sicurezza appena descritta della Postepay? A confronto Postepay è la Banca d’Italia. Non a caso Wester Union, MoneyGram & co sono i servizi maggiormente utilizzati dai truffatori di mezzo mondo. Se vuoi qualche prova in merito, dai un’occhiata alla saga de “Come truffare il truffatore della Costa d’Avorio

Se devi ricevere pagamenti tramite Wester Union, MoneyGram & co: o sei un truffatore della Costa d’Avorio o ti sei perso lì. Non ci sono altre spiegazioni.
[divider]

Pagamento in contanti

Se devi pagare: buono, visto che si spera tu veda l’oggetto prima di prendere il portafogli. Se poi hai una pistola puntata, forse era meglio Paypal.

Se devi ricevere pagamenti: buono, visto che non paghi commissioni a nessuno. Stai solo attento siano soldi veri.
[divider]

Pensi che abbia dimenticato qualcosa o vuoi farmi una domanda? Lo spazio commenti è tutto tuo, spero di averti aiutato :)

Massimo Cappanera

Uomo. Marito. Padre. Consulente web e marketing per professionisti e piccole aziende. Copywriter per passione e narratore di aneddoti per diletto. Nato senza rete, cresciuto con la rete...ma ancora di pesci nemmeno l'ombra. Forse è per questo che coltivo peperoncini.

14 commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Caro Massimo,
    premetto che non sono rimasto a 10 anni fa, avrei solo una quesito da porti.

    Mi spiego, sono un artigiano che necessità di ricevere il pagamento non tramite bonifico poichè, dal momento della ricezione del bonifico a quella della ricezione merce il cliente aspetterebbe quasi 7 giorni lavorativi.

    Questo perchè il mio prodotto è un prodotto fragile dunque mi avvalgo di un corriere “lento” ma che porta la merce intera a destinazione.
    Ovviamente questo nel 2016 non è ammissibile aspettare a seconda del giorno che ordini qualcosa quasi 10 giorni la merce.

    Dunque per velocizzare l’operazione volevo implementare la possibilità di ricevere pagamenti tramite carte di credito e qui arriva il dubbio.

    E’ possibile creare un metodo di pagamento con carta di credito evitando al cliente che magari è addirittura in un paese estero o comunque impossibilitato a pagarmi a vista, senza dover creare una sorta di piattaforma ecommerce?

    Partecipo a varie fiere artigiane e spesso per parteciparvi quando i soldi mancano in saccoccia sono costretto a pagare con carta di credito e non tramite bonifico, capita che alcune società es “fiera Milano” mi chiedano i dati della carta di credito su carta stampata una volta compilata loro fanno il prelievo semplicemente senza dover passare da siti ecommerce, come fanno!?

    :) grazie per aver letto queste mille parole
    Un saluto
    Riccardo

    • Ciao Riccardo, bel quesito! Al volo ti suggerirei Paypal…a fronte di circa il 5% di tasse avresti un sistema di pagamento immediato (e relativamente sicuro), per quanto a) non tutti sappiano usarlo (ma credo che chi compra da te in buona parte non avrebbe difficoltà a inserire i propri dati lì oppure aprire direttamente un account) e b) non so come funzioni a livello commerciale, visto che i privati hanno un limite di 2500 euro defiscalizzati…ma ti auguro di fatturarne molti di più ;)

      Per la carta di credito, ho cercato un po’ visto che come dici tu di solito è una caratteristica dell’ecommerce…Ho quindi scoperto che o fai un accordo con la banca (come Banca Sella) oppure ti avvali di società esterne che, in modo simile a Paypal, gestiscono l’aspetto logistico a fronte di una percentuale. Vedi per esempio questo (tedesco): http://www.mycommerce.com/ …tuttavia dipende sempre dal volume di traffico, visto che non credo ciò che vendi costi uno sproposito e l’unica che a quanto pare non ha un costo fisso mensile (ma solo a % sugli incassi) è proprio Paypal.

      Altre alternative non ne vedo…col contrassegno andresti a gravare molto sul cliente…

      In che senso alcune società di chiedono i dati della carta di credito su carta stampata?

      P.S. Ho dato un’occhiata al sito, è un prodotto interessantissimo! Solo una nota: valuta la possibilità di limitare l’effetto parallasse…il primo paragrafo da me non si legge (grigio su grigio)…e sebbene sia un’idea originale che compaia il modulo di contatto in basso per esempio da me la parte superiore non si vede, quindi è un po’ fastidioso procedere pixel per pixel alla ricerca del campo “Nome”…alla fine ho dovuto rimensionare la pagina. Spero ti sia d’aiuto :)

      • Hai ragione, ho aperto il sito dal portatile e ho notato anche io lo stesso problema, da casa visto lo schermo più grande non mi sono accorto del difetto, provvederò a rimediare.

        Ti faccio un esempio riguardo il pagamento tramite carta senza “strisciare la carta”.

        Domani andrò ad allestire uno stand a Riva del Garda, il contratto prevedeva 800€ di anticipo “tramite b/b” al momento della prenotazione dello spazio, e gli altri 800€ pagando entro il 26/01/16, tramite b/b o carta di credito.
        Ho optato per il pagamento con la carta di credito, ma non avendo un sistema tipo paypal “la fiera di riva del garda”, mi ha inviato un modulo da compilare con gli stessi campi dei moduli di registrazione carta di paypal, più ovviamente la firma dell’intestatario.
        Sono cosi riusciti ad effettuare il pagamento del dovuto senza bisogno di strisciare la carta nel pos, o di un pagamento online tipo paypal.

        Sono tutte domande che potrei fare direttamente in banca, ma prima di entrare nella tana del lupo è sempre meglio essere un minimo informati.

        Grazie
        Riccardo

        E mi chiedo come avranno mai fatto?

          • Eh si,
            effettivamente mi sembra strano anche a me perchè hanno tutti i dati per poterla usare, però ormai sono tre anni che lavoriamo con loro e non mi hanno ancora rubato niente.

            • Ok, ma almeno abbiamo capito come facciano ;) Del resto le realtà consolidate difficilmente vanno a rubare (singoli) proprio perché rischierebbero di non avere più clienti e collaboratori alla prima furbata. Ecco perché se c’è qualche genio impiegato che ci prova, l’azienda seria è senza pietà. Certo, non è un metodo che ti consiglierei di mettere in atto tu stesso, i furbetti stanno pure tra i compratori o usufruttuari di servizi, non solo i fornitori…

  • Ciao Massimo. Ho trovato molto interessante questo articolo; grazie mille. Volevo chiederti un consiglio: io sono in Erasmus in Germania; sono in una casa con wifi condiviso, il contratto dice che i siti web vengono memorizzati per sicurezza, e per scagionare il proprietario da accuse nel caso di atti illeciti. Quindi c’è scritto che il proprietario può vedere tutte le navigazioni che fanno gli inquilini. C’è scritto però che le password dei social e delle banche non vengono salvate.. c’è da fidarsi ? Un altra cosa, da poco mi hanno raggiunto i miei genitori qui in Germania; hanno preso una casa in affitto con wifi di casa. Mio papà mi ha fatto una ricarica su cellulare usando il sito della posta, entrando nell’account e pagando con la postepay (non ha ricaricato la carta, aveva già dei soldi sopra e l’ha usata), ha usato un Ipad. Questo procedimento può essere rischioso ? entrare in un conto, pagare con postepay ? ed entrando nell’account della posta qualcuno potrebbe essere in grado di accedere anche ad un conto ? Quali sono i principali pericoli ?

    • Ciao Filippo, che bella esperienza starai facendo! Bella questione quella del wifi condiviso…per carità, bisogna vedere che grado di buonafede e/o competenze tecniche abbia il padrone di casa visto che non è il massimo della vita. Non puoi acquistare un mini router 4G, già che dovrai stare lì per un po’? Per fare videochiamate useresti il wifi condiviso (o per video etc), per cose più personali quell’altro. Per quanto riguarda tuo papà, se l’iPad era suo non dovrebbero esserci problemi, anche perché se un dispositivo non ha malaware installati (o keylogger) una volta entrati in un sito con connessione protetta come quello della banca/poste/etc si dovrebbe stare tranquilli e fare le transazioni che si desiderano. Entrando nell’account di posta, a meno che non conservi lì i dati d’accesso del conto, non si può fare nulla di monetario :)

  • Ciao e complimentissimi per il blog, che sto leggendo con grande divertimento (dovresti darti al giallo comico e poi pubblicare su Amazon, avresti un successone! :-)))

    Ti dico la mia esperienza. In realtà non è sempre vero che i pagamenti con Paypal siano gratuiti, proprio no. Faccio spesso acquisti su Ebay, dove Paypal è una presenza fissa…ebbene, non mi capita mai mai mai mai di pagare la somma esatta richiesta, ma sempre una cifra superiore e quel tot in più può essere anche molto consistente. Il giochino si appoggia sul cambio di valuta euro/dollari/sterline/altro, ma alla fine la differenza di prezzo è comunque assicurata a svantaggio dell’acquirente e non di pochi centesimi, anzi.

    A me è successo di pagare anche 11 euro in più rispetto a ciò che avrei dovuto fattivamente pagare, un furto sfacciato a dir poco. Quando posso, Paypal lo evito come la peste.

    Un saluto e ad majora, Bet

  • Io ho fatto un bonifico, (che poi scoperto essere una IBAN associato ad una postepay) e ovviamente sono stato truffato. E’ inutile che tenti qualsiasi cosa per il recupero ?
    Sostanzialmente è come avessi fatto una ricarica Postepay e quindi vale quanto da te descritto ?

    Grazie, Saluti

Tweet recenti

Nuovi articoli via email

Se vuoi ricevere via e-mail le notifiche di nuovi articoli...beh, hai la mia stima, dimmi solo dove mandarle. Ti prometto che non ti invierò spam, truffe, proposte galanti, richieste di denaro, catene di S. Antonio e tutto il resto che di solito trovi la mattina al posto di proposte di lavoro. Inoltre potrai annullare l'iscrizione quando vuoi.

Unisciti a 438 altri iscritti

Condivisioni